Attuazione misure PNRR

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) si inserisce all’interno del programma Next Generation EU (NGEU), il pacchetto da 750 miliardi di euro, costituito per circa la metà da sovvenzioni, concordato dall’Unione Europea in risposta alla crisi pandemica. La principale componente del programma NGEU è il Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (Recovery and Resilience Facility, RRF), che ha una durata di sei anni, dal 2021 al 2026, e una dimensione totale di 672,5 miliardi di euro (312,5 sovvenzioni, i restanti 360 miliardi prestiti a tassi agevolati).

Italia Domani, il Piano di Ripresa e Resilienza presentato dall’Italia, prevede investimenti e un coerente pacchetto di riforme, a cui sono allocate risorse per 191,5 miliardi di euro finanziate attraverso il Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza e per 30,6 miliardi attraverso il Fondo complementare istituito con il Decreto Legge n.59 del 6 maggio 2021 a valere sullo scostamento pluriennale di bilancio approvato nel Consiglio dei ministri del 15 aprile. Il totale dei fondi previsti ammonta a di 222,1 miliardi. Sono stati stanziati, inoltre, entro il 2032, ulteriori 26 miliardi da destinare alla realizzazione di opere specifiche e per il reintegro delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione. Nel complesso si potrà quindi disporre di circa 248 miliardi di euro. A tali risorse, si aggiungono quelle rese disponibili dal programma REACT-EU che, come previsto dalla normativa UE, vengono spese negli anni 2021-2023. Si tratta di fondi per ulteriori 13 miliardi.

Il Piano si sviluppa intorno a tre assi strategici condivisi a livello europeo: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica, inclusione sociale. Si tratta di un intervento che intende riparare i danni economici e sociali della crisi pandemica, contribuire a risolvere le debolezze strutturali dell’economia italiana, e accompagnare il Paese su un percorso di transizione ecologica e ambientale. Il PNRR contribuirà in modo sostanziale a ridurre i divari territoriali, quelli generazionali e di genere.

Il Piano destina 82 miliardi al Mezzogiorno su 206 miliardi ripartibili secondo il criterio del territorio (per una quota dunque del 40 per cento) e prevede inoltre un investimento significativo sui giovani e le donne.

Il Piano si sviluppa lungo sei missioni.

  1. Digitalizzazione, Innovazione, Competitività, Cultura”: stanzia complessivamente oltre 49 miliardi (di cui 40,3 miliardi dal Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza e 8,7 dal Fondo complementare) con l’obiettivo di promuovere la trasformazione digitale del Paese, sostenere l’innovazione del sistema produttivo, e investire in due settori chiave per l’Italia, turismo e cultura.
  2. Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica”: stanzia complessivi 68,6 miliardi (59,5 miliardi dal Dispositivo RRF e 9,1 dal Fondo) con gli obiettivi principali di migliorare la sostenibilità e la resilienza del sistema economico e assicurare una transizione ambientale equa e inclusiva.
  3. Infrastrutture per una Mobilità Sostenibile”: dall’importo complessivo di 31,5 miliardi (25,4 miliardi dal Dispositivo RRF e 6,1 dal Fondo). Il suo obiettivo primario è lo sviluppo di un’infrastruttura di trasporto moderna, sostenibile ed estesa a tutte le aree del Paese.
  4. Istruzione e Ricerca”: stanzia complessivamente 31,9 miliardi di euro (30,9 miliardi dal Dispositivo RRF e 1 dal Fondo) con l’obiettivo di rafforzare il sistema educativo, le competenze digitali e tecnico-scientifiche, la ricerca e il trasferimento tecnologico.
  5. Inclusione e Coesione”: prevede uno stanziamento complessivo di 22,6 miliardi (di cui 19,8 miliardi dal Dispositivo RRF e 2,8 dal Fondo) per facilitare la partecipazione al mercato del lavoro, anche attraverso la formazione, rafforzare le politiche attive del lavoro e favorire l’inclusione sociale.
  6. Salute”: stanzia complessivamente 18,5 miliardi (15,6 miliardi dal Dispositivo RRF e 2,9 dal Fondo) con l’obiettivo di rafforzare la prevenzione e i servizi sanitari sul territorio, modernizzare e digitalizzare il sistema sanitario e garantire equità di accesso alle cure.

Il Piano prevede inoltre un ambizioso programma di riforme, per facilitare la fase di attuazione e più in generale contribuire alla modernizzazione del Paese e rendere il contesto economico più favorevole allo sviluppo dell’attività di impresa:

  • Riforma della Pubblica Amministrazione per dare servizi migliori, favorire il reclutamento di giovani, investire nel capitale umano e aumentare il grado di digitalizzazione.
  • Riforma della giustizia mira a ridurre la durata dei procedimenti giudiziari, soprattutto civili, e il forte peso degli arretrati.
  • Interventi di semplificazione orizzontali al Piano, ad esempio in materia di concessione di permessi e autorizzazioni e appalti pubblici, per garantire la realizzazione e il massimo impatto degli investimenti.
  • Riforme per promuovere la concorrenza come strumento di coesione sociale e crescita economica.

Il PNRR avrà un impatto significativo sulla crescita economica e della produttività. Il Governo prevede che nel 2026 il Pil sarà di 3,6 punti percentuali più alto rispetto a uno scenario di base che non include l’introduzione del Piano. Il governo del Piano prevede una responsabilità diretta dei Ministeri e delle Amministrazioni locali per la realizzazione degli investimenti e delle riforme di cui sono i soggetti attuatori entro i tempi concordati, e per la gestione regolare, corretta ed efficace delle risorse. È significativo il ruolo che avranno gli Enti territoriali, a cui competono investimenti pari a oltre 87 miliardi di euro. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze controllerà il progresso nell’attuazione di riforme e investimenti e sarà l’unico punto di contatto con la Commissione Europea. Infine, è prevista una Cabina di Regia presso la Presidenza del Consiglio.

Italia Domani, il portale dedicato al PNRR

italiadomani.gov.it è il sito ufficiale dedicato a “Italia Domani”, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Sul portale sono illustrati i contenuti del Piano e viene raccontato il percorso di attuazione attraverso schede intuitive e chiare dedicate al monitoraggio degli investimenti e delle riforme, con notizie in continuo aggiornamento sullo sviluppo degli interventi previsti.

Il sito consente di consultare lo stato di avanzamento di ogni investimento e le spese sostenute. In questo modo, tutti i cittadini potranno controllare e monitorare le informazioni relative alla realizzazione del Piano. Sul portale è inoltre presente una sezione dedicata ai bandi e agli avvisi pubblici e alle altre procedure di attivazione degli investimenti. Procedure che vengono emanate dalle Amministrazioni centrali titolari degli interventi per selezionare i progetti da finanziare attraverso il PNRR e/o l’individuazione dei beneficiari e dei soggetti attuatori.

 

PNRR – M1C1 -INVESTIMENTO 1.4.1 – SERVIZI DIGITALI E CITTADINANZA DIGITALE – CUP E61F22000430006

PNRR – M1C1 -INVESTIMENTO 1.4.4 – SERVIZI DIGITALI E CITTADINANZA DIGITALE – SPID – CIE – CUP E61F22001100006

PNRR – M1C1 -INVESTIMENTO 1.4.3 – SERVIZI DIGITALI E CITTADINANZA DIGITALE – APP IO – CUP E61F22001090006

PNRR – M1C1 -INVESTIMENTO 1.4.3 – SERVIZI DIGITALI E CITTADINANZA DIGITALE – APP IO – 2 FINANZIAMENTO CUP E61F22004060006

PNRR – M1C1 -INVESTIMENTO 1.4.3 – SERVIZI DIGITALI E CITTADINANZA DIGITALE – PAGOPA – CUP E61F22004050006

PNRR – M1C1 -INVESTIMENTO 1.2 – ABILITAZIONE AL CLOUD PER LE PA LOCALI – CUP E61C22000340006

PNRR – M1C1 -INVESTIMENTO 1.4.5 – PIATTAFORMA NOTIFICHE DIGITALI COMUNALI – CUP E61F22003820006

PNRR – M2C4 -INVESTIMENTO 2.2. – INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO PATRIMONIO COMUNALE- ISTITUTO COMPRENSIVO – CODICE CUP E64D22001910006

PNRR – M2C4 -INVESTIMENTO 2.2. – ANNO 2024 – INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO PATRIMONIO COMUNALE- ISTITUTO COMPRENSIVO – CODICE CUP E64D22001920006

PNRR – M2C4 -INVESTIMENTO 2.2. – ANNO 2022 – INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO PATRIMONIO COMUNALE – CODICE CUP E64H220006100069

PNRR-M2C4 – TUTELA TERRITORIO E RISORSA IDRICA – 2.2 INTERVENTI RESILIENZA-VALORIZZAZIONE TERRITORIO – LAVORI RIQUALIFICAZIONE P.ZZA TRENTO TRIESTE – ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE-RICARICA AUTO ELETTRICHE – CODICE CUP E67H15002130001

PNRR – EDIFICI PUBBLICI – ANNO 2020-2021 – EDIFICIO SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO – LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA IN SICUREZZA – CUP E66B20000730001 

PNRR – INTERVENTI SVILUPPO TERRITORIALE ADEGUAMENTO E MESSA IN SICUREZZA DEL PATRIMONIO COMUNALE: RIQUALIFICAZIONE CON ABBATTIMENTO DELLE BARRIERIE ARCHITETTONICHE DI VIA MELICA IN CANALE – ANNO 2021 – CUP E63D21000790001

 

Ultimo aggiornamento

20 Gennaio 2023, 10:18